Di nuovo a proposito di Jan Fabre

18.04.2016 12:51

Ecco la lettera che la Presidente della LIDA Firenze, Serena Ruffilli, ha inviato al Sindaco Nardella e che il CAART condivide.

Alla C.A. del Sindaco, Dario Nardella

e p.c. alla stampa

Gentile Sindaco Dario Nardella,

raggiungiamo nuovamente la Sua casella email con la tristezza nel cuore, una tristezza che nasce dalla consapevolezza di essere continuamente inascoltati, invisibili, impercettibili agli occhi di chi ci amministra. Mai una volta che potessimo contare anche solo su una semplice risposta, figuriamoci sull'ascolto.....

Apprendiamo che Firenze ospiterà nuovamente Jan Fabre, malgrado oltre 250 persone nel 2010 abbiano presidiato la Stazione Leopolda per protestare contro l'installazione dello "pseudo artista" presso Fabbrica Europa:

http://www.gattopoli.it/news/firenze-presidio-contro-jan-fabre.html

- https://lidafirenze.wordpress.com/2010/05/08/presidio-autorizzato-contro-larte-di-jan-fabre/

La nostra città, che trasuda arte da tutti gli angoli, non merita simili e continui affronti; definire "artista" in una città come Firenze, un individuo con evidenti problemi psichici che ricava le sue creazioni utilizzando cadaveri di animali  (spesso morti ammazzati, e di proposito, per realizzare le proprie installazioni), è un insulto alla culla dell'arte e a chi suo malgrado continua a viverci, volendosi ancora vantare di risiedere in una delle città più belle del mondo, almeno artisticamente parlando. 

Apprendiamo inoltre che si continuano a organizzare eventi sfruttando la vita di animali che non possono opporsi e dichiarare la propria riluttanza nel prendere parte a iniziative tanto inutili quanto pericolose per la propria incolumità (le tante proteste portate avanti da associazioni e cittadini per i cavalli che trainano carrozze e le oltre 7000 firme che abbiamo raccolto per porvi fine, continuano ad apparire come un due di briscola, in una partita che viene giocata sempre e solo dalle stesse realtà, in barba ai tanti che la pensano diversamente):

http://press.comune.fi.it/hcm/hcm5353-10_1_1-A+cavallo+per+le+strade+di+Firenze%2C+trekking+urban.html?cm_id_details=78645&id_padre=4472

http://www.leonioro.org/storia-ed-evoluzione-della-giostra-di-madonna-liberta-piazza-santa-croce/

La domanda nasce spontanea: riuscite per caso a organizzare qualcosa di veramente all'altezza per l'immagine della nostra Firenze, senza dover per forza servirvi di animali, vivi o morti che siano?  Gli animali NON SONO UN'ATTRAZIONE.

Noi siamo qui per difendere i loro diritti, il diritto alla vita primo fra tutti, e la vita senza libertà non è vita, a prescindere dall'individuo a cui essa appartenga.

Siamo stanchi di doverci continuamente misurare con l'insensibilità delle nostre amministrazioni e siamo stanchi di non non essere mai ascoltati.

Un giorno non troppo lontano Firenze sarà popolata solo da turisti di passaggio, se questa è l'attenzione che continuate a dimostrare a chi Firenze la vive dal primo vagito e ne conosce l'essenza, ne stima la storia e il valore artistico, e non vede quindi altra via che fuggire a gambe levate da ciò che sta diventando.

Cordialmente

Serena Ruffilli

Presidente L.I.D.A. Lega Italiana dei Diritti dell'Animale Firenze Onlus - www.lidafirenze.it  

Membro del CAART - Coordinamento Associazioni Animaliste Regione Toscana

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter:

Contattaci