Il Coordinamento è stato creato per coordinare le Associazioni, per contattarci velocemente, per diffondere e amplificare la partecipazione agli eventi animalisti, sia locali che nazionali: presidi, raccolte firme, manifestazioni, lettere di protesta, comunicati stampa, ecc.. Per mostrare insomma l’importanza dell’unione di ogni Associazione e delle persone singole volontarie, in difesa di tutti gli animali!

Inoltre il C.A.A.R.T., in coerenza ai propri ideali di rispetto verso tutti gli animali, si impegna a diffondere il vegetarianesimo e il veganesimo.


 

 

Elenco associazioni aderenti (al 23/04/20):

 

A.M.A. Amici del Mondo Animale  ODV  Gattile  Firenze  

Amici degli animali Onlus / Canile Hermada    Montecatini Terme (PT)

 Amici della  Terra Onlus  Firenze

Animal Project  Onlus   Isola d'Elba

Animalisti Italiani   Sez.Toscana

A.N.T.A.   Massa carrara

A.R.C.A.   Onlus   Empoli   (FI)

Arca della valle  Onlus  Mediavalle del Serchio   Garfagnana    (Lu)   

A.S.A.V.   Gattile   Viareggio    (Lu)

ATA- PC   Firenze

Baffi di Gatto    Calenzano (FI)

CATS   Onlus   Pescia (PT)

Diamoci una zampa Onlus   Borgo San Lorenzo ( FI )

Dog Sitting Onlus Firenze      

E.N.P.A. Onlus Firenze  

E.N.P.A.  Onlus Isola d’Elba        

E.N.P.A.  Onlus Pistoia     

GAVOL  Onlus   Volterra

Green Paw  Community  ODV   Limite e Capraia

Gli Angeli di Giada Associazione  Animali Esotici     Viareggio (LU)

Gruppo  A.D.A.   Pistoia

I  gatti lucchesi  Onlus   Lucca

Il bosco di Archimede   Capannoli (PI)

Il  Caniglio   Rifugio di  Firenze

I pensieri di Fido    Lucca

Il Rifugio  di   Lamporecchio  (PT)

L.I.D.A.  Onlus Firenze 

L.I.D.A.  Onlus Versilia      

LIPU  Firenze

Centro Rapaci  LIPU  MUgello

L.I.V.   Onlus   Montecatini  Terme (PT)

M.E.T.A.   Onlus  Firenze

Noi e...i cani    Castelfiorentino (FI)

O.I.P.A.   Onlus Arezzo    

O.I.P.A.  Onlus  Firenze    

O.I.P.A.  Guardie  Pistoia

O.I.P.A.  Onlus   Lucca         

O.I.P.A.   Onlus Pistoia   

Pro  Animals  Onlus     Firenze     

Pro Natura  Valdarno  Cavriglia (AR)

Progetto Animalista per la Vita   Scandicci (FI)

Razza bastarda  Onlus     Pisa

Rifugio Equino Nibbio Alato  Fucecchio (FI)

Rifugio  I cani di Carla  Onlus  Firenze

Rifugio Il bosco di Archimede  Firenze

Rifugio Il prato dei conigli Onlus  Prato

Rifugio  La voce degli animali   Fauglia  (PI)

Rifugio  Lo Scudo di Pan Onlus   Arezzo

Rifugio “Semia” CRAS  Montespertoli (FI)

Sguardo randagio in memoria di Bristol   Vicchio  ( Fi)

Sea  Shepherd   Toscana

Un Cane per Amico Onlus   Firenze  

                                       ---------------------------------------------------

Mingrino Clara    Carmagnini  Patrizia    Manetti Cristiana    Sigismondi Genziana   Regimonti Rossana

 

Contatti :

e mail :  animalistitoscani@libero.it 

              animalistitoscani@pecmail.net 

 

Portavoce C.A.A.R.T.: Stefano Corbizi Fattori  

cell.: 3703359740

 

Gabriella Costa, Clara Mingrino

Coordinamento ,Gestione informatica  (Pag.FB, Googlegroup, sito internet)          

Gabriella Costa cell. 340 2282833

 

 Sito : www.caart.webnode.it

Pagina   Facebook: CAART

Gruppo   Facebook  aperto: Caart

 

PAYPAL: https://www.paypal.me/animalistitoscani

POSTEPAY: Intestatario Stefano Corbizi,  C.F. CRBSFN58C08D612F, Codice Carta 5333171097908715, IBAN IT16M3608105138202534802541

 

Storia del progetto

Il tutto è nato nel febbraio 2013 da un'idea di Clara Mingrino che ha organizzato, con il Patrocinio del Comune di Montecatini Terme e presso la Sala Consiliare del Comune di Montecatini Terme, il primo FORUM delle Associazioni animaliste.

Al primo Forum ne è seguito un altro, circa un anno dopo, sempre a Montecatini Terme e poi questa "cosa" ha preso vita grazie alla volontà non solo di Clara Mingrino ma anche, prima fra tutti, di Gabriella Costa e il C.A.A.R.T.  è definitivamente nato a marzo 2015.

Nei mesi successivi, il CAART  ha imparato a "coordinarsi", a condividere le tante iniziative in favore degli animali che si svolgono in Toscana.

La nostra Regione,pur  avendo un Regolamento e delle leggi per gli animali migliori  di altre regioni,soprattutto del Sud, continua a scontare la vecchia debolezza e  accondiscendenza verso il mondo venatorio,  abbiamo uno dei tristi primati di  numero di cacciatori, i nostri politici sono vezzeggiati  dai cacciatori e favoriscono quel gruppo sempre potente, coeso, anche se  sta diminuendo e invecchiando.

Una delle prime azioni del CAART  è  stata  scrivere  ai Candidati Presidenti di Regione alle passate elezioni politiche presentando i 10 punti  delle nostre richieste in favore degli animali.

Il Presidente Rossi,PD  poi eletto ed ora in carica, fece promesse su  due punti,uno dei quali impedire l'attuazione della proposta già approvata in Regione di diminuire i box dei cani ( dei cacciatori) da 8 mq a 4 mq.

Gli altri  candidati non risposero.

Poi la cosiddetta " emergenza cinghiali " , con relativa legge Remaschi  con caccia aperta tutto l'anno per tre anni dappertutto, e poi purtroppo approvata dalla regione a maggioranza, ci ha coinvolto per lunghi mesi.

Dopo avere raccolto informazioni approfondite sul tema ( vedi Relazione sugli ungulati di Mariangela Corrieri, Presidente di Gabbie Vuote ) relazione che possiamo trovare sul nostro Sito alla voce " Notizie ", abbiamo scritto ripetutamente ma invano ai vari Consiglieri, Assessori, Presidente.

Come CAART  siamo riusciti a farci ascoltare dalla 2 Commissione in Regione prima della discussione finale della legge Remaschi, la 2 Commissione è  delegata a questo tema.

Eravamo assieme a LAV, WWF e Legambiente ovviamente tutti concordi contro la legge Remaschi.

Per la prima volta gli animalisti ,come CAART, sono stati ammessi in regione, mentre fino ad ora erano presenti  solo gli ambientalisti e forse LAV.

Ci hanno ascoltato ma sapevamo che non sarebbe servito.

A quel punto,di fronte al muro di silenzio della stampa e di fronte ai tanti cosiddetti incidenti con morti e feriti durante la caccia, abbiamo deciso  assieme con  LAV  e Restiamo Animali di unirci per rompere l'omertà dei media e far conoscere la verità.

Dopo vari incontri a cui ho partecipato a nome del CAART  abbiamo deciso   di comune accordo di organizzare varie azioni eclatanti che dessero visibilità  e fossero riprese dai giornali.

La nostra campagna contro questa famigerata legge è stata chiamata " Toscana Rosso Sangue ".

Abbiamo fatto un Flash Mob davanti alla regione tutti insieme per la prima volta nella storia dell'animalismo toscano, il CAART, un grande manifesto con la scritta di tutte le decine di Associazioni grandi e piccole  e LAV.

Sono stati stampati volantini  con i nomi di tutti,che abbiamo distribuito in centro, tanti grandi manifesti che sono stati affissi nelle strade della città  la settimana dell'approvazione della legge Remaschi.

In Piazza della Repubblica  abbiamo organizzato una Coreografia bellissima che è stata finalmente ripresa dai giornali e TV. Una coreografia d'effetto provata più volte e di grande impatto!

Davanti al Porcellino a Firenze la sera dell'approvazione 50 donne in nero, sorreggendo una candela, hanno dimostrato tutto il lutto e il dolore per dei poveri animali cacciati e condannati.

 Ora la campagna  contro Remaschi  viene portata avanti da una ragazza indipendente dalle Associazioni che ha  ripreso lo slogan modificandolo un pò in " Non vogliamo una Toscana Rosso Sangue ".

Come liberi cittadini volontari animalisti ci siamo uniti a Paola Zintu e daremo sempre appoggio a chiunque vorrà portare avanti la causa animalista.

Le altre battaglie sono sul fronte della lotta allo sfruttamento  degli animali nei circhi, molti presìdi sono stati organizzati a Firenze,a Livorno, in Versilia grazie alla tenacia degli animalisti.

Continuiamo a scrivere, denunciando ingiustizie e maltrattamenti,soprattutto ai politici che avrebbero, se ne fossero convinti, la possibilità di cambiare le cose.

Ora a Firenze Jan Fabre,  l'individuo che usa animali morti nelle sue pseudo opere, è stato di nuovo invitato dal sindaco, in totale nocuranza della sensibilità di chi soffre per certi spettacoli e auspicherebbe un rispetto maggiore verso gli animali e verso le persone sensibili.

Abbiamo scritto, raccolto firme, ma invano.

Comunque, per non elencare solo sconfitte, è bello notare che la mentalità verso gli animali  sta cambiando, molti si  volgono al vegetarianesimo e al veganesimo, piccoli passi in avanti si stanno compiendo, anche grazie al CAART che non tralascia nessuna occasione  per denunciare e mettere in luce ingiustizie verso non solo cani e gatti ma  verso tutti gli animali,  la mucca fuggita a Messina, l'orso Bruno di Cavriglia, le condizioni degli allevamenti intensivi, la lotta contro i Palii, Giostre e sagre in cui gli animali sono vittime.

Il 16 Agosto 2015  noi del  CAART assieme al PAE  abbiamo  organizzato la prima manifestazione contro il Palio di Siena.

Cominciamo ad essere conosciuti, ci sono state interviste, articoli di giornale...ogni Associazione deve vedere nel Coordinamento una eco, una cassa di risonanza alle proprie azioni perché "l'unione fa la forza"!

 

 

 

 

 

 

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter:

Contattaci